Esce oggi l’album d’esordio del nuovo progetto urban/dark del musicista jesino Tommaso Sampaolesi | EFFE RADIO

Esce oggi l’album d’esordio del nuovo progetto urban/dark del musicista jesino Tommaso Sampaolesi

Scritto da il 09/05/2022

ITDJ nasce dall’incontro tra Tommaso Sampaolesi Peyote Vibes, studio di produzione e registrazione capitanato da Riccardo Franconi e Nicola Amici. Nell’autunno del 2021 Riccardo stava scrivendo alcuni brani elettronici strumentali e chiese a Tommaso se voleva provare ad inserirci la sua voce: l’intesa fu immediata e la prima prova lasciò i tre molto soddisfatti tanto che, con grande entusiasmo, maturò ben presto l’idea di sviluppare un EP di quattro brani. Da lì a poco il progetto iniziale si estese alla possibilità concreta di realizzare un album, vista l’urgenza con cui si andavamo definendo nuove idee: a febbraio 2022 “de Mon Demon” era già pronto. Un album intenso e personale, diretto, inquietante ma liberatorio, in cui l’autore da sfogo ai propri pensieri al ritmo di sonorità electro/urban/dark. Una riflessione introspettiva e un confronto con i propri demoni, una auto-analisi terapeutica per buttare fuori un po’ di veleno.
Il video è stato realizzato dal giovane regista jesino Riccardo Saraceni (già al lavoro con Barabba, Palmer Generator, ecc.) per Peyote Vista, ed è stato interpretato dallo stesso Tommaso Sampaolesi con la partecipazione di Riccardo Franconi, Caterina Senesi & Zoe.
Del suo progetto precedente – Il Tipo di Jesi – Tommaso decide di tenere solo le iniziali. Le influenze del disco sono molteplici, dalla passione per i Bachi da Pietra di Riccardo e Nicola, all’Hip-hop/Rap di Beastie BoysRun the Jewels e Danny Brown che hanno ispirato la voce di Tommaso durante la scrittura del disco, dall’EDM all’Alternative Rock, dall’Industrial al Grunge.
Prima di diventare ITDJ, Tommaso crea i .cora. con i quali pubblica nel 2009 “L’aria che respiro soffoca” per Jestrai. Il suono della band era chiaramente condizionato dagli ascolti di Tommaso di allora, principalmente incentrati sul Seattle sound. Abbandonato il progetto e dopo qualche anno di allontanamento dalla musica, nel 2017 Tommaso decide di rimettersi in gioco da solo, registrando alcune canzoni nate da una vecchia chitarra acustica trovata nel garage della madre e scritte in casa durante gli anni di allontanamento dalle scene. Da queste canzoni nasce il progetto Il Tipo di Jesi con cui pubblicherà due album – “Pranzo Rock in Via Trieste” nel 2018 e “Yeah Yeah Jesi!!” nel 2020 – e due singoli, “Libertà” e la cover di “Mio Fratello è Figlio Unico” nel 2021.

Proprio durante queste ultime registrazioni, nate dall’incontro con Riccardo e Nicola, inizia a concretizzarsi l’idea di provare a muoversi su territori musicali nuovi. La svolta si verifica quando Riccardo gli fa ascoltare delle basi elettroniche che aveva scritto e Tommaso, incuriosito e stimolato dalla sfida, inizia a scrivere dei testi e ad immaginarsi delle linee vocali idonee. In maniera del tutto inaspettata i tre rimangono stupiti dal risultato e subito, entusiasti, decidono di lavorare su altre basi, che in breve si concretizzano nelle otto tracce di “de Mon Demon”.

Taggato come

Traccia corrente

Titolo

Artista

Background
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: