POESIA/ Adelio Fusé : MOSAICO DEL VIANDANTE. BOOK Editore, il 24 febbraio in libreria | EFFE RADIO

POESIA/ Adelio Fusé : MOSAICO DEL VIANDANTE. BOOK Editore, il 24 febbraio in libreria

Scritto da il 17/02/2023

“Siamo tutti ologrammi dell’uno plurimo che ha nome Tempo.”

Adelio Fusé

MOSAICO DEL VIANDANTE

Pagine 112, prezzo 18 euro

Book Editore, in libreria il 24 febbraio 2023

 immagini una pianura nella nebbia accoccolata

un lago di ghiacciato candore

un deserto delle stelle lo specchio

una spiaggia fra bagliori a mezz’aria assolati

 eppure il Tempo lí maschera ferma

pausa che non oscilla

ogni impulso e fremito ormai espunti

dal bluff si smuove e ancóra si riaffretta;

 conosci l’illusione che si fa inganno

ma ti serve lo sgomento

l’urto di rimando:

 la revoca della stasi nel ridestarsi

Terzo capitolo – dopo La veglia del sonnambulo (2016) e Tempo ventriloquo (2019) – di una trilogia dell’erranza, Mosaico del viandante mette in scena un tu – il viandante, appunto  meticolosamente seguito nei suoi continui quanto imprevedibili spostamenti e incontri dall‘io del poeta. Ne deriva una sorta di diario in seconda persona, nel quale l’io è tutt’altro che assente: l’io e il tu sono ognuno l’ombra dell’altro. 

Il ‘tu viandante’, che evita gli itinerari lineari e precostituiti a vantaggio della pluralità, procede per libere associazioni e diramazioni, sia pure con la preoccupazione di rintracciare un filo conduttore via via che gli episodi-tasselli si accumulano. La sequenza cronologica è sovvertita dalle intromissioni della memoria. Il passato, benché intermittente, una volta recuperato si reclama come presente. L’andare del viandante nello spazio (spiagge solitarie, aree extraurbane con aeroporti e scali ferroviari, città dai grattacieli spettrali, la campagna dell’infanzia, fiumi in secca e altro ancora, sino a una pianura che sconfina nel mare) coincide allora, inevitabilmente, con un nomadismo nel tempo.

Passato, presente e futuro si fondono in un’unica dimensione temporale trasfigurando il reale, peraltro inscalfibile tanto nei suoi mali congeniti (il “dissesto diseguagliato del mondo”) quanto nella cronaca più negativa – la pandemia, l’emergenza climatica, la minaccia nucleare – che si fa Storia e insieme distopia (“il pianeta azzurro a catafascio / rigattieri a raccoglierlo nessuno”).

Protagonista di un viaggio in espansione costante e giocoforza incompiuto, il viandante si imbatte infine in un mosaico raffigurante un suo lontano omonimo, un “rabdomante di sentieri / nella geografia del tempo”. Lì il percorso non si conclude ma si rinnova.

 

Adelio Fusé (1958) vive a Milano, dove ha lavorato nell’editoria. Ha pubblicato saggi su Sade, Kafka, Sartre, Handke, Eno (Materiali Sonori-Auditorium, 1999), i romanzi North Rocks (Campanotto, 2001), Lastrazione non è la mia passione principale e Le direzioni dell’attesa (Manni, 2018 e 2020).

Per Book Editore, dal 2003 al 2019, sono usciti i libri di poesia Il boomerang non tornaOrizzonti della clessidra distesaCanti dello specchio bifronteLobliqua scacchiera, La veglia del sonnambulo (candidato al Premio “Camaiore” e finalista al Premio “Lorenzo Montano”, 2016), Tempo ventriloquo. Collabora con artisti, fotografi e musicisti. Cura una rubrica di musica e poesia sul sito altremusiche.it e scrive per varie riviste. Ha ottenuto un riconoscimento al Premio “Riccione per il teatro” (1981).

Categorie

Traccia corrente

Titolo

Artista

Background